IHC – Italian Hacker Camp 2018

Anche se con un pò di ritardo ecco le mie impressioni sul Campus che si è tenuto dal 2 al 5 Agosto 2018 a Padova.

I ragazzi di IHC hanno organizzato un evento fantastico fatto di contaminazione, workshop, talk e tante risate!

Ovviamente io e Mozzy insieme agli altri loschi figuri di Mozilla Italia siamo stati invitati… This is the story!!!

Giorno 1 – La partenza

Punto di incontro Roma, provenienti da mezza Italia  ci riuniamo nella città eterna per usufruire della ScasciafratteCar, leggendario mezzo di locomozione che ci ha portato in 6 ore alla meta!

Una volta giunti a destinazione abbiamo subito preso possesso di una location per diffondere la libertà!

La prima cosa che abbiamo notato è stato il caldo! Credo di non aver mai partecipato ad un evento più sudato di questo (in tutti i sensi), organizzazione notevole a parte piccoli errori da primo evento (che ci stanno tutti).

Eugenio ha aperto subito le danze con un talk mentre noi iniziavamo ad annunciare la gara a premi per il progetto Common Voice.

Cosa è Common Voice? E’ un altro progetto di Mozilla, avete presente le voci elettroniche dei nostri device? Hanno ben poco di umano, perchè il computer in realtà non sa come parla un umano! Beh, Mozilla ha deciso di creare questo progetto per fornire dati Liberi e Aperti a chiunque, ma per fare questo c’è bisogno di una immensa quantità di dati.

Questi dati sono testi, che noi volontari abbiamo procurato ed inserito nel sistema, e Voce! Sul portale è possibile leggere delle frasi e donare la propria voce al progetto, più leggiamo più il sistema sarà in grado di imparare!

Dona la tua voce! QUI

I premi per aver donato la propria voce durante l’evento

Devo dire che la risposta è stata molto elevata, al punto che nei giorni successivi abbiamo reso i premi più complessi moltiplicando x2 e x3 la

quantità di registrazioni. Gli impavidi avventori non si sono lasciati spaventare ed hanno continuato a partecipare…

Per me è stata la prima esperienza a questo tipo di eventi e devo dire che è stata una esperienza formativa, vedere l’hacking nella sua forma più pura ha fatto dimenticare il caldo e le zanzare…

  • Il primo a guadagnarsi la maglietta

Dopo aver seguito uno dei talk ho appreso infine il funzionamento di GIT ed ho potuto iniziare a fare pull request

Ovviamente Mozzy ha fatto subito amicizia ed ha iniziato ad arringare le folle!

Happy Hacking!!!

Tu cosa hai fatto questo weekend?

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *